SPECIES PER AQUAM

POTENZIAMENTO DI DUE AREE SORGENTI (PALUDI DI ARSAGO E LAGO DI COMABBIO) PER IL CONSOLIDAMENTO DELLA CONNESSIONE ECOLOGICA TRA LA VALLE DEL TICINO E LE ALPI


Il progetto, avviato nel 2016 e che si concluderà alla fine del 2019, mira al rafforzamento della connettività della RER – Rete Ecologica Regionale nel settore settentrionale del Parco Lombardo della Valle del Ticino e al potenziamento della matrice ambientale in due aree sorgente per la biodiversità (Lago di Comabbio e Paludi di Arsago) localizzate in un’area focale della RER, ovvero tra le Aree prioritarie per la biodiversità “Valle del Ticino” a sud-ovest e “Colline moreniche del Varesotto e della Brianza” a nord-est.

Riguardo al rafforzamento della connettività della RER – Rete Ecologica Regionale, ci si prefigge l’aumento della permeabilità della rete nei confronti dell’avifauna transitante in due aree poste rispettivamente a sud e a nord-est del Lago di Comabbio, crocevia strategico della rete ecologica perché funzionale a vari corridoi ecologici importanti a varie scale.

Il Lago di Comabbio è area importante per numerose specie di uccelli acquatici di interesse conservazionistico, che utilizzano le formazioni a macrofite emergenti di grande taglia (Phragmites australis) per la nidificazione, lo svernamento e la sosta; il potenziamento della funzione sorgente sarebbe di diretto beneficio per le popolazioni presenti nel sito e nelle limitrofe aree umide (Fiume Ticino, Canneti del Lago Maggiore, Palude Brabbia, Lago di Varese, Lago di Biandronno);

Le Paludi di Arsago ospitano un importante popolazione di Pelobate fosco (specie prioritaria per la Direttiva Habitat) e sono importante sito di nidificazione (Nibbio bruno, Tuffetto, Porciglione, Folaga), sosta e svernamento (Tarabuso, Falco di palude, Albanella reale, Tottavilla, Fanello, Averla piccola, Zigolo giallo) per numerose specie ornitiche di interesse conservazionistico legate agli ambienti acquatici e ai prati stabili.

Nell’ambito del progetto è stato realizzato da Marco Tessaro un breve documentario (durata: circa 12 minuti) che ne illustra obiettivi, azioni e risultati.